Dal mondo / America

Commenta Stampa

Entro il 2020, c'é bisogno di 600 milioni di nuovi posti di lavoro


Entro il 2020, c'é bisogno di 600 milioni di nuovi posti di lavoro
02/10/2012, 09:19

NEW YORK  - Entro il 2020, c'é bisogno di 600 milioni di nuovi posti di lavoro,  soprattutto nei paesi in via di sviluppo: l'occupazione deve essere la priorità dei governi che dovrebbero offrire al settore privato gli incentivi per investire.

Lo afferma la Banca Mondiale (nella foto), sottolineando che i nuovi posti di lavoro servono per assorbire i giovani che entrano nel mercato, favorire lo sviluppo e prevenire tensioni. L'assenza di lavoro, infatti, può avere un impatto sociale negativo, spingendo i giovani verso “gang” per compensare la mancanza di identità e il senso di appartenenza che un posto di lavoro offre.

 "I cambiamenti demografici, il progresso tecnologico e gli effetti della crisi finanziaria stanno ridisegnando il panorama dell'occupazione. I paesi che si adattano con successo a questi cambiamenti e che centrano le loro sfide nel mercato del lavoro possono guadagnare importanti miglioramenti negli standard di vita, nella crescita della produttività e in termini di società più coese",  mette in evidenza il presidente della Banca Mondiale, Jim Yong King. Dopo aver subito il peggiore rallentamento economico dalla Seconda Guerra Mondiale, i livelli di occupazione in molti paesi sono ancora lontani dal ritornare ai livelli pre-crisi.

L'occupazione è in grado di modificare le modalità con cui la gente vede se stessa e interagisce con gli altri, precisa la Banca Mondiale, mettendo in evidenza come le sfide nel mondo del lavoro variano da paese a paese e dal livello di sviluppo. I governi - mette in evidenza l'istituto di Washington - dovrebbero definire i lavori con il maggior impatto sullo sviluppo e concedere al settore privato, che rappresenta il 90% dell'occupazione a livello mondiale, incentivi per creare lavoro. I governi hanno anche la responsabilità di offrire stabilità macroeconomica e un contesto favorevole per le imprese.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©