Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Bufera per le dichiarazioni del premier turco

Erdogan: il sionismo "un crimine contro l'umanità"


Erdogan: il sionismo 'un crimine contro l'umanità'
01/03/2013, 15:13

ROMA - Recep Tayyip Erdogan, premier turco, è di  nuovo nella bufera: questa volta a scatenare le reazioni di Israele, dell'Onu e dell'America le parole pronunciate da Erdogan il 26 febbraio durante il quinto Forum globale dell'alleanza tra le civilizzazioni dell'Onu a Vienna.

In quell'occasione, infatti, il premier turco ha definito il sionismo "un crimine contro l'umanità": "come già accade per sionismo, antisemitismo e fascismo, è inevitabile che l'islamofobia sia considerata un crimine contro l'umanità", ha dichiarato.

Immediata le reazioni da parte di Israele e Stati Uniti.  La prima risposta del premier israeliano, Benjamin Netanyahu, che ritiene le parole "oscure e false, che credevamo appartenessero al passato della storia del mondo".

Una dichiarazione "offensiva e sbagliata" secondo il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Usa Tommy Vietor: "Incoraggiamo - ha detto Vietor - persone di tutte le fedi, culture e idee a denunciare le iniziative di odio e a superare le differenze".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©