Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

ERDOGAN: NO A MISURE DI SICUREZZA PIU' AMPIE CONTRO I CURDI


ERDOGAN: NO A MISURE DI SICUREZZA PIU' AMPIE CONTRO I CURDI
07/10/2008, 18:10

Il primo ministro turco, Tayyip Erdogan, si è rifiutato di ampliare le misure di sicurezza per combattere i separatisti curdi. I vertici dell'esercito chiedevano una riforma che estendesse il periodo in cui un sospetto può essere detenuto senza un'accusa formale, che concedesse la facoltà di condurre le indagini senza il controllo dei giudici e la possibilità di interrogare i sospettati senza gli avvocati difensori. Ma Erdogan, rivolgendosi oggi al parlamento ha detto che la Turchia "continuerà a marciare verso la democrazia, il rispetto dei diritti umani e la libertà, senza fare passi indietro". Dal punto di vista dei diritti umani, la Turchia, che vuole entrare nell'Unione europea, è ancora sotto esame. In passato Bruxelles aveva dichiarato che nonostante alcuni miglioramenti, molto ancora doveva essere fatto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©