Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'uomo è stato considerato responsabile di 937 reati

Ergastolo per il mostro di Cleveland. Lui: "Sono malato"


Ergastolo per il mostro di Cleveland. Lui: 'Sono malato'
01/08/2013, 20:29

CLEVELAND (USA) - Ariel Castro, soprannominato "il mostro di Cleveland", è stato condannato all'ergastolo, per aver seqestrato per 10 anni, picchiato e ripetutamente stuprato tre ragazze nella città americana. In totale i giudici gli hanno contestato 937 reati, trovandolo colpevole. Nella sentenza è esplicitamente detto che l'uomo non potrà chiedere misure di libertà vigilata.
Prima di essere portato via, Castro ha detto ai giornalisti poche parole: "Non sono un assassino, non ho mai ucciso nessuno. Non sono un mostro, sono malato, sono come un alcolista. Non cerco scusanti ma non realizzo che quello che ho fatto è sbagliato". Inoltre ha negato di aver picchiato la moglie. 
Una delle vittime, Michelle Knight, durante la deposizione, aveva espresso chiaramente il proprio pensiero: "Ho trascorso 11 anni all'inferno, il tuo inferno è appena iniziato. Meriti di trascorrere la tua vita in carcere".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©