Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

La colpa? Aver bevuto alcool

Fake news di Amnesty International: frustato un ragazzo 10 anni dopo il reato


Una delle foto diffuse da Amnesty International
Una delle foto diffuse da Amnesty International
12/07/2018, 16:05

Amnesty International diffonde oggi una notizia, affermando che ne parlano i giornali iraniani. Si tratterebbe di una pena corporale di 80 frustate inferte ad un giovane per aver bevuto alcool. Tuttavia la notizia ha tutte le caratteristiche di una fake news. Innanzitutto si tratterebbe di un fatto accaduto nel 2006 o nel 2007 (l'indeterminatezza delle date è tipica delle fake news), quando il ragazzo, all'epoca 14enne, avrebbe bevuto alcool ad una festa poi degenerata in una rissa (a cui comunque il ragazzo non aveva partecipato). Venne condannato all'epoca ad 80 frustate, ma la pena non venne mai scontata. Sarebbe stata scontata nei giorni scorsi, sulla pubblica piazza di Kashmar. 

In realtà, non siamo ai tempi di Khomeini. Nonostante cerchino di far passare l'Iran per un Paese barbaro, esso è molto occidentalizzato. Molti reati religiosi sono stati cancellati dal Codice Penale o quanto meno sono stati fortemente penalizzati. Ma amnesty International continua a diffondere false notizie di fustigazioni e lapidazioni che non esistono. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©