Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La bufala era circolata sul sito web dell'emittente Press Tv

Falsa la notizia di un taglio alle esportazioni iraniane di petrolio

Oggi a Teheran si inaugurano due centrifughe nucleari

Falsa la notizia di un taglio alle esportazioni iraniane di petrolio
15/02/2012, 14:02

TEHERAN - Mentre continuano a prendere corpo le critiche di Israele nei confronti di Ahmadinejad, l’Iran presenterà oggi una nuvoa generazione di centrifughe per l’arricchimento dell’uranio. La tv di Stato iraniana ha dichiarato che “le centrifughe di quarta generazione prodotte localmente hanno una maggiore velocità e capacità di produzione e verranno presentate oggi”. All’inaugurazione ci sarà il presidente Mahmoud Ahmadinejad.
Intanto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accusato l’Iran di “voler destabilizzare il mondo”. Le sue dichiarazioni sono legate all’attentato contro l’ambasciata israeliana a New Delhi e quello fallito all’ambasciata a Tbilisi, nonché in relazione al sospetto tentativo di attacco terroristico contro l’ambasciatore israeliano a Bangkok. “Le operazioni terroristiche iraniane sono ora evidenti. L’Iran sta minando la stabilità mondiale e colpisce diplomatici innocenti. I paesi del mondo devono condannare gli atti di terrorismo dell’Iran e tracciare una linea rossa” ha detto Netanyahu. La politica iraniana si sta facendo sempre più agguerrita nei confronti dell’Occidente. L’Iran ha tagliato le esportazioni di petrolio a sei paesi europei, dopo le ultime sanzioni imposte dall’Ue a Teheran sul dossier nucleare. I paesi esclusi dalle esportazioni sono l’Italia, la Francia, la Spagna, l’Olanda, la Grecia e il Portogallo. Il ministero degli Esteri di Teheran ha informato gli ambasciatori europei del “rincrescimento per le sanzioni all’export del petrolio iraniano imposte il 23 gennaio a Bruxelles”. È stato detto loro che chi aveva tentato un’azione di moderazione a Bruxelles sarà più esposto ai contraccolpi delle sanzioni. Il blocco dell’Iran, infatti, si ritorce contro i paesi più dipendenti dal petrolio iraniano: Grecia, Italia e Spagna.

AGGIORNAMENTO ORE 14:30
TEHERAN – È falsa la notizia diffusa dal sito web dell’emittente Press Tv sul blocco delle esportazioni di greggio verso sei paesi dell’Unione europea, inclusa l’Italia. Lo ha appena dichiarato all’Adnkronos l’ambasciatore italiano a Teheran Alberto Bradanini. In realtà Bradanini insieme ai colleghi degli altri cinque paesi europei sono stati invitati dal ministero iraniano degli Esteri per discutere della decisione dell’Ue di imporre un nuovo pacchetto di sanzioni alla repubblica islamica. Immediata anche la smentita del portavoce del ministero iraniano del Petrolio: “Neghiamo queste notizie. Una tale decisione, se verrà presa, sarà annunciata dal Consiglio di sicurezza nazionale supremo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AGGIORNAMENTO ORE 14:30
TEHERAN – È falsa la notizia diffusa dal sito web dell’emittente Press Tv sul blocco delle esportazioni di greggio verso sei paesi dell’Unione europea, inclusa l’Italia. Lo ha appena dichiarato all’Adnkronos l’ambasciatore italiano a Teheran Alberto Bradanini. In realtà Bradanini insieme ai colleghi degli altri cinque paesi europei sono stati invitati dal ministero iraniano degli Esteri per discutere della decisione dell’Ue di imporre un nuovo pacchetto di sanzioni alla repubblica islamica. Immediata anche la smentita del portavoce del ministero iraniano del Petrolio: “Neghiamo queste notizie. Una tale decisione, se verrà presa, sarà annunciata dal Consiglio di sicurezza nazionale supremo”.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©