Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La manovra consentirebbe una riduzione del deficit del 3%

Finanziaria 2011: il sì del Portogallo


Finanziaria 2011: il sì del Portogallo
26/11/2010, 19:11

LISBONA – Alla fine Lisbona ha detto sì. Sì alla finanziaria 2011, che è stata approvata  oggi dal Parlamento e che dovrebbe ridurre il deficit del Paese portandolo dal 7.3% di quest’anno al 4.6%.
La manovra porta ad una stretta importante per i cittadini: tagli alla spesa pubblica arriveranno riducendo gli stipendi dei dipendenti statali e alzando l’aliquota Iva al 23%. Le misure consentiranno, secondo le previsioni, un risparmio di circa 5 miliardi di euro al Governo: “Non ci sono alternative a queste difficili misure. I politici lavorano nell’interesse del Paese e occorre capire che questi provvedimenti sono assolutamente necessari” – ha sottolineato il premier portoghese Josè Socrates – “Chiaro, ci sono molti che pensano che siano solo interessi politici e dei partiti ma questo non è il momento per pensarlo”.
La finanziaria è passata grazie al voto favorevole del gruppo socialista, unico partito a dire sì ma sufficiente per l’approvazione: i socialdemocratici, che rappresentano invece il partito di opposizione più ampio, si sono astenuti. Con questa operazione il Governo spera di non dover ricorrere, nel prossimo futuro, agli aiuti della Comunità Europea.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©