Dal mondo / America

Commenta Stampa

Da scongiurare per l'economia americana

Fiscal cliff, Obama ottimista sull'accordo entro Natale

"Faremo concessioni ai Repubblicani, ma non c'è più tempo"

Fiscal cliff, Obama ottimista sull'accordo entro Natale
19/12/2012, 19:47

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, resta ottimista sulla possibilità di un accordo con i Repubblicani che consenta di scongiurare il “fiscal cliff” ma ha sottolineato l'urgenza di trovare un'intesa, possibilmente prima di Natale. Il “fiscal cliff” è un pacchetto da 600 miliardi di dollari tra aumenti delle tasse e tagli alla spesa automatici che si abbatterà sull'economia statunitense a inizio 2013 se Casa Bianca e Congresso non raggiungeranno un compromesso sulle misure per evitarlo. In una conferenza stampa alla Casa Bianca, Obama ha sottolineato di aver fatto delle “concessioni” ai Repubblicani e che la proposta che verrà sottoposta alla Camera dei Rappresentanti dal suo speaker, il repubblicano John Boehner, “sfida la logica” perché non affronta il problema della proroga dei sussidi di disoccupazione. Il testo presentato da Boehner prevede l'estensione degli sgravi fiscali dell'era Bush ai redditi sotto il milione di dollari, una soglia superiore a quella di 400 mila dollari proposta da Obama, che ha minacciato il veto sul cosiddetto “piano B”. Obama si è detto disposto a misure “dure” che potrebbero “scontentare” alcuni suoi compagni di partito pur di scongiurare il “dirupo fiscale” e ha affermato di sentirsi “disorientato” dal no del “Gop” alla sua proposta, che ha definito “equilibrata in ogni senso” in quanto “include tagli reali alla spesa” che porterebbero a “un'enorme riduzione del deficit”. “Continuerò a parlare con Boehner, non c’è ragione di pensare che le differenze non possano essere superate per raggiungere un accordo”, ha aggiunto l'inquilino della Casa Bianca, che ha sottolineato come Capitol Hill “non abbia ancora recepito” il messaggio sulla necessità di un compromesso. Obama ha infine annunciato che nei prossimi giorni incontrerà tutti i leader dei due partiti al Congresso per capire cosa blocca ancora l'intesa. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©