Dal mondo / America

Commenta Stampa

I due stavano giocando a nascondino

Florida, nuova tragedia, 13enne colpisce la sorellina

Erano da soli in casa

Florida, nuova tragedia, 13enne colpisce la sorellina
06/05/2013, 10:16

NEW YORK – Nuovo dramma negli Stati Uniti provocato dal possesso delle armi tra i cittadini americani. Una ennesima tragedia si è ripetuta in una cittadina della Florida dove una bimba di sei anni è in preoccupanti condizioni dopo che il suo fratello maggiore ha puntato contro di lei una pistola, colpendola gravemente. L’arma da fuoco era in casa, mentre stavano giocando i due fratelli, il tredicenne ha fatto partire inconsapevolmente un colpo contro la malcapitata bambina.
La vicenda sembra ripetersi, è di qualche giorno fa un analogo episodio che aveva visto protagonisti un bambino di 5 anni che ha colpito mortalmente la sorellina di 2 anni con un fucile calibro 22.
Un testimone racconta alla NBC News la dinamica del tragico incidente: “Stavano giocando a nascondino, e non so come, ma il ragazzino ha sparato a sua sorella”.
Intanto, è in corso un’indagine per comprendere come l’adolescente abbia potuto prendere l’arma . Secondo una prima ricostruzione, sembra che i due fratelli fossero in casa senza i genitori, così riferisce Dani Moschella, portavoce dello sceriffo della città. Intanto, il Presidente degli Stati Uniti non cede e vuole proseguire con la lotta contro le lobby della vendita delle armi : “Continuerò a fare tutto il possibile per approvare riforme di buon senso ”, aveva detto qualche giorno fa in una visita ufficiale in Messico.

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©