Dal mondo / America

Commenta Stampa

Torna il mistero sul volto del subcomandante messicano

Foto Marcos, la smentita: è un cooperante italiano


Foto Marcos, la smentita: è un cooperante italiano
02/04/2010, 17:04

ROMA – Torna ad infittirsi il mistero sul vero volto del subcomandante Marcos, il rivoluzionario messicano, portavoce dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, le cui fattezze sembravano essere state svelate da una foto circolata pochi giorni fa. Ebbene, a stretto giro, il quotidiano messicano “Reforma” pubblica la smentita, chiarendo che si tratta in realtà di Leuccio Rizzo, un cooperante italiano.
Rizzo, 38enne di Galatina (Lecce), è in Messico da 2 anni col comitato Chiapas “Maribel” di Bergano; è stato lui stesso a chiarire l’equivoco, in una lettera nella quale dà “la sua solidarietà e ammirazione all’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (Ezln) per la difesa che compie dei diritti dei Popoli Indigeni, e al Subcomandante Marcos come Rivoluzionario”.


Il vero subcomandante Marcos, capo dell’Ezln, vive in clandestinità con la milizia, sulle montagne del Chiapas. Il suo volto non è mai stato mostrato, ed è identificabile dagli altri comandanti zapatisti (circa 76) da un fazzoletto rosso legato al collo ed una pipa in bocca. Il suo nome, “Marcos”, sarebbe l’acronimo di alcuni dei comuni occupati dagli zapatisti nel gennaio 1994: Margaritas, Altamirano, Rancho Nuevo, Comitàn, Ocosingo, San Christobal. Wikipedia, come precisazione, aggiunge che in realtà Comitàn non fu conquistata dagli zapatisti, e che la “C” potrebbe in realtà identificare la comunità di Chanal.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©