Dal mondo / America

Commenta Stampa

Fatto sentire un file audio con la voce del cantante

Foto shock al processo per la morte di Michael Jackson



Foto shock al processo per la morte di Michael Jackson
28/09/2011, 10:09

LOS ANGELES (USA) - E' iniziato il processo a Michael Jackson, a due anni dalla morte della popstar. Ed è iniziato con l'accusa che nella presentazione delle prove alla giuria ha deciso di colpire subito duro. Innanzitutto ha mostrato una foto del cadavere di Jackson, in cui si vede la pelle veramente bianca, di un pallore innaturale; insieme ad altre foto che mostrano per esempio la siringa usata per l'inizione fatale di anestetico, il profanol, che il cantante usava per dormire perchè ne era farmaco-dipendente. Inoltre è stato fatto ascoltare un file audio, scaricato dall'iPad dell'imputato, il dottor Cornad Murray, e registrato circa 6 settimane prima che Mihael Jackson morisse. SI sente il cantante che parla con voce impastata - probabilmente a causa dell'intontimento provocato dall'eccesso di droghe - e che farnetica, dicendo che lo spettacolo andrà bene, che sarà qualcosa di indimenticabile e che con i soldi guadagnati costruirà un ospedale per bambini, "l'Ospedale Michael Jackson". Resta poi l'accusa per il medico: l'eccesso di farmaci usati, fino alla iniezione fatale di profanol che, unito agli altri farmaci che aveva preso durante la notte, l'hanno ucciso.
Invece è diversa la versione della difesa: A far diventare Jackson dipendente da un anestetico così potente era stato il dottor Arnold Klein, da cui il cantante andava prima di rivolgersi a Murray; il quale stava cercando di farlo disintossicare usando prodotti meno pericolosi. E anche quella tragica notte, sostiene l'avvocato, fu Jacko a bersi il contenuto di otto bottiglie di un altro sedativo, il lorazepam. SI tratta di una quantità - ha sottolineato il legale - "che avrebbe steso sei adulti", ma che non fece effetto sul cantante che approfittà dell'assenza del medico, che era andato in bagno, per iniettarsi anche il profanol.
E siamo solo alle prime battute, sperando che resti un processo e che non venga trasformato in uno show di quart'ordine.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©