Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il piccolo, 7 anni, è ora in affidamento col fratellino

Francia, bambino segregato per anni in stanza-prigione


Francia, bambino segregato per anni in stanza-prigione
05/03/2009, 22:03

Rinchiuso in una stanza senza mobilia, obbligato a dormire su un materasso sporco. Senza mai avere contatti con altre persone, spesso picchiato.

E’ una storia terribile quella che arriva dalla Francia, dove gli inquirenti hanno salvato un bambino di sette anni che dalla nascita era stato segregato all’interno della sua abitazione. “Si trattava di un bambino difficile”, hanno spiegato i genitori, un muratore 42enne ed una casalinga 35enne. La coppia ha anche un altro figlio, più piccolo, che secondo i primi accertamenti non avrebbe subito gli stessi maltrattamenti.

Nella stanza dove il piccolo veniva tenuto rinchiuso le imposte erano quasi sempre chiuse, e non c’erano altre cose che il materasso. Il procuratore di Millau, nel sud della Francia, Patrick Desjardins, ha raccontato che “il bambino è stato tenuto per diversi anni in una stanza totalmente vuota, peggio di una prigione, senza mobili, né giocattoli, a dormire su un materasso intriso di pipì”.

A scoprire la situazione sono stati gli assistenti sociali che, recandosi nella casa della coppia, hanno scoperto il bambino in “serio stato di privazione, psicologicamente debole”. Entrambi i figli della coppia sono stati presi in custodia.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©