Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Francia, pensioni: la Corte Costituzionale approva la riforma


Francia, pensioni: la Corte Costituzionale approva la riforma
09/11/2010, 17:11

PARIGI - La contestatissima riforma delle pensioni, passata per il Parlamento lo scorso 27 ottobre, è stata valutata positivamente e quindi approvata anche dal Consiglio costituzionale francese. La notizia, diffusa da Asca-Afp e confermata anche da Reuters, chiude probabilmente in via definitiva la serratissima lotta tra maggioranza, opposizione e sindacati che per fermare il provvedimento avevano lanciato ben otto giornate di mobilitazione nazionale.
Il Consiglio, bocciando il ricorso presentato dal partito socialista, ha così stabilito che, con la decisione di abbassare l'età minima pensionabile a 62 anni, "non e' stato violato il principio di uguaglianza ne' l'obbligo costituzionale di una politica di solidarieta' nazionale a favore dei lavoratori in pensione".
Inoltre, secondo i giudici costituzionali, "il rinvio da 65 a 67 anni del limite di eta' per il diritto alla pensione massima non e' contrario al principio di parita' tra donne e uomini". Insomma: dopo il Parlamento, anche l'organo giuridico per eccellenza appoggia le scelte del governo guidato da Nicolas Sarkozy, considerando quindi immotivate le vive proteste di piazza e gli scioperi ad oltranza della sinistra politica e sindacalista. I francesi che per settimane avevano incrociato le braccia, mostrando coesione e determinazione da molti altri popoli europei giudicate positivamente, dovranno dunque arrendersi ed accettare il crollo dello status quo e le introduzioni delle nuove regole previdenziali.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©