Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Espulsione motivata dalla violazione del coprifuoco

Francia: studentessa violentata in gita ed espulsa da scuola cattolica


Francia: studentessa violentata in gita ed espulsa da scuola cattolica
18/07/2013, 21:17

THIONVILLE (FRANCIA) - Sta sollevando molte polemiche in Francia quello che è successo durante una gita scolastica del liceo Notre-Dame de la Provence situato a Thionville. 
La gita era a Berlino e i ragazzi erano stati alloggiati, insieme ad altri clienti, in un ostello. Durante una delle serate una quindicenne e due sue amiche erano uscite dalla loro camera, violando il coprifuoco fissato alle 22. Camminando nei corridoi, aveva incontrato un ragazzo polacco di 18 anni che, con una scusa, ha invitato lei e le sue amiche nella sua stanza. Ma appena entrate, la sorpresa: erano presenti altri tre amici del polacco, che hanno aggredito le ragazze, costrimngendole a bere alcolici, mentre il 18enne violentava la quindicenne. 
Due giorni dopo la ragazza si è confidata con una insegnante, la quale ha denunciato l'accaduto alla polizia tedesca, che sta indagando sull'accaduto. Ma nel frattempo la scuola decideva di espellere le tre ragazze per aver violato il coprifuoco, per essere andate nella stanza di quattro uomini adulti e per aver bevuto alcolici. E in una intervista rilasciata all'East Repubblicain, l'avvocato della scuola ha aggiunto che la colpa dell'accaduto "è anche delle studentesse, perché un eccessivo consumo di alcolici ha causato un comportamento inappropriato".  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©