Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Gli aerei civili avvisati di non volare sul Paese

Francia, Usa e Gran Bretagna pronte ad attaccare la Siria


Francia, Usa e Gran Bretagna pronte ad attaccare la Siria
11/04/2018, 09:51

DAMASCO (SIRIA) - A quanto pare, l'ultima bufala diffisa dai mass media su un attacco chimico - che non c'è mai stato - a Douma serviva a giustificare l'attacco contro il governo siriano, reo di non essersi fatto schiacciare dai continui attacchi che il Paese subisce da sette anni. Fallito il tentativo degli Usa all'Onu di far dichiarare la Siria colpevole di aver violato la risoluzione Onu 2118 (che vieta al Paese di possedere e usare armi chimiche e nomina una commissione incaricata di verificare; commissione che non ha trovato nessuna arma chimica negli arsenali di Assad), a causa del veto della Russia, per poterla poi attaccare con la copertura diplomatica dell'Onu, come venne fatto contro l'Iraq di Saddam Hussein, Trump ha deciso di fare da solo. 

E così sin da ieri ha mandato un cacciatorpediniere armato di missili Tomahawk verso la Siria, mentre sono in allarme le basi militari di Usa, Gran Bretagna e Francia per bombardare la Siria. Tanto che Eurocontrol, l'organizzazione europea per la sicurezza dei voli, ha avvisato tutte le compagnie aeree di evitare per le prossime 72 ore le rotte che passano sulla Siria per evitare che gli aerei civili vengano coinvolti in questo attacco. 

Naturalmente, i giornali italiani si guarderanno bene dal mostrare le foto dei bambini che le bombe e i missili occidentali seppelliranno sotto le macerie delle loro case. Diranno che gli attacchi sono stati contro gli impienti chimici che non esistono...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©