Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

I ribelli hanno conquistato le città di Agedabia e Brega

Frattini, asse Italia-Germania, per esilio Gheddafi

Il regime di Gheddafi chiede il cessate il fuoco

Frattini, asse Italia-Germania, per esilio Gheddafi
27/03/2011, 11:03

Roma - I ribelli libici, sostenuti dagli attacchi aerei della coalizione hanno riconquistato le città di Agedabia e Brega, e nelle prossime ore anche la piccola cittadina di Bisher, dovrebbe essere liberata.
Il regime di Muammar Gheddafi, ha chiesto la fine degli attacchi aerei della coalizione internazionale e ha lanciato un nuovo appello per una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell'Onu.
L'appello è giunto dopo gli intensi bombardamenti degli alleati lungo la strada che collega Ajbadiya, la strategica città orientale riconquistata ieri dagli insorti, e Sirte, la città natale del colonnello. Un portavoce del regime, Ibrahim, ha definito l'offensiva "sanguinaria, immorale e illegale" e ha nuovamente parlato di "numerose vittime tra i militari ma anche tra i civili".
Il Ministro degli Esteri intervistato da ''La Repubblica'', ha detto che l'Italia non cederà l'iniziativa a Sarkozy e Cameron, ma lavorerà insieme alla Germania, per una soluzione diplomatica alla crisi libica.
Questa collaborazione tra Italia e Germania dovrebbe portare all'esilio del colonello Gheddafi:
"In questi giorni difficili l'Europa forse ha perso dei pezzi, noi non vogliamo perdere la Germania e un'evoluzione verso il cessate il fuoco ne renderà più facile il rientro. Noi lavoriamo per percorrere insieme con loro l'ultimo tratto di strada, cerchiamo di tenere insieme l'Europa".

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©