Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

L'annuncio a Washington dopo un colloquio con la Clinton

Frattini, "Entro marzo missione a Theran"


Frattini, 'Entro marzo missione a Theran'
27/02/2009, 21:02

Entro marzo ci sarà una visita del ministro degli Esteri a Theran, per verificare se sia possibile aprire anche all’Iran la conferenza di stabilizzazione di Afghanistan e Pakistan in programma a giugno a Trieste sotto la presidenza italiana del G8. Lo ha reso noto lo stesso Frattini a Washington dopo un colloquio con il segretario di Stato americano, Hillary Clinton.

Lunedì prossimo, in occasione della conferenza dei donatori per la ricostruzione della Striscia di Gaza a Sharm el-Sheikh, il ministro degli Esteri dovrà assicurare i ‘colleghi’ dei paesi del Golfo, dell’Egitto e della Turchia che l’invito a Theran non significa il “via libera alla bomba atomica”. “E’ importante che l’Iran dai vicini venga visto come interlocutore positivo e non temuto”, ha dichiarato Frattini. Da Washington è stato però precisato che l’ipotesi sanzioni all’Iran per quanto riguarda il nucleare resta in vigore.

“L’Italia è favorevole al coinvolgimento della Russia nella Nato”, ha detto Frattini alla Clinton. “Però ciò non significa accettazione pure e semplice delle proposte russe. Si tratta di dare vita a una collaborazione strutturata”. Frattini ha reso noto che “la signora Clinton ha espresso apprezzamento sull’affidabilità dell’Italia e su diversi temi, in particolare quello mediorientale, siamo sulla stessa linea e sono rimasto colpito dal fatto che ci si capisca al volo”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©