Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Girasoli nell’area della centrale contro le sostanze nocive

Fukushima, barca robotica per controllare la radioattività


Fukushima, barca robotica per controllare la radioattività
26/04/2011, 15:04

TOKYO - Una barca robotica telecomandata potrebbe essere presto usata per analizzare la radioattività dell’aria e dell’acqua nella baia su cui si affaccia la centrale nucleare di Fukushima, dove a causa dell’alto pericolo di contaminazione non è ancora stato possibile per i tecnici nipponici svolgere rilevazioni ambientali approfondite. Il robot marino si chiama “Kanchan” (“mister misuratore”) ed è nato nel 2000 dal progetto congiunto delle università di Tokyo e Tokai. La macchina è stata pensata per analizzare una serie di valori in mare aperto, come livello di concentrazione del sale, temperatura dell’acqua e intensità/direzione del vento. La barca, lunga otto metri, è mossa da un motore diesel capace di fornire un’autonomia di circa un mese consecutivo, viaggiando alla velocità massima di 5-6 km orari. A bordo è presente un impianto satellitare Gps, in base al quale “Kanchan” si muove autonomamente tra le aree scelte per le misurazioni. L’imbarcazione robotica, il cui utilizzo è adesso al vaglio della Tepco, si trova adesso nel porto di Shizuoka, nel Giappone centrale, dove sono in corso le modifiche necessarie per la missione di Fukushima: i tecnici lavorano per montare un misuratore di radioattività per l’acqua e uno per l’aria, da impiegare in un raggio di 30 km dalla centrale, con l’obiettivo di rendere operativa la macchina entro 1-2 mesi. Intanto è in analisi una nuova ipotesi per combattere l’inquinamento radioattivo del suolo dell’area di Fukushima: campi di girasole per ripulire dalle radiazioni il territorio di Fukushima, dove sorge la centrale nucleare che tiene col fiato sospeso tutto il mondo. Secondo alcuni studi, infatti, sarebbe stato dimostrato che questo fiore sia in grado di assorbire alcune sostanze per noi nocive, tra cui anche il cesio 134 e 137. Al momento sono stati raccolti circa 300 chilogrammi di semi di girasole da destinare al progetto: una soluzione che, se si dimostrerà efficace, potrà dare una nuova speranza al Giappone.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©