Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

The Guardian svela e-mail segrete

Fukushima: il governo inglese ha cercato di oscurare notizie disastro nucleare

Il motivo?Paura che il consenso al nucleare crollasse ancora

Fukushima: il governo inglese ha cercato di oscurare notizie disastro nucleare
02/07/2011, 14:07

LONDRA - Il boato della centrale di Fukushima con annesse radiazioni non ancora si è fermato.

Questa volta a far tornare d'attualità il disastro nucleare giapponese, è il governo inglese, che ha cercato in tutti i modi di filtrare le notizie che provenissero dal Giappone, per salvaguardare l'interesse del paese.

Lo scandalo viene reso pubblico dal quotiano britannico ''The Guardian'', attraverso e-mail, inviate tra dirigenti di Edf Energy, Areva, Westinghouse e funzionari del governo britannico, a due giorni dal disastro nucleare, per cercare di minimizzare l'accaduto, perchè il potere di certe notizie ''hanno la possibilità di far arretrare l’industria nucleare a livello globale”.

Tra le 80 e-mail rese note, eccone qualcuna pubblicata dal Guardian:

Dobbiamo bloccare ogni tentativo di costruire un paragone con Cernobyl” oppure “Dobbiamo assicurarci che gli anti nucleari non guadagnino spazio su questo tema. Dobbiamo occupare il terreno e mantenerlo. Dobbiamo mostrare che il nucleare è veramente sicuro”.

Il governo di coalizione (conservatori e liberaldemocratici), era preoccupato che la vicenda, potesse abbassare ulteriormente il consenso al nucleare (già in picchiata) dei cittadini britannici, come accaduto in Italia, Germania, Svizzera.

Louise Hutchins, portavoce di Greenpeace, ha tuonato che si tratta di ''una scandalosa collusione - tra industria e governo, che dimostra - la cieca ossessione del governo per l’energia nucleare – dimostrando - che non ci si può fidare né del governo né dell’industria in materia di centrali atomiche”.

Intanto, tra mille accuse, il governo britannico ha confermato i piani per la costruzione di 8 nuovi impianti nucleari in Inghilterra e Galles. 

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©