Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Giappone in piena emergenza nucleare, aiuto chiesto agli Usa

Fukushima: il reattore numero 2 sta per fondere

Prestigiacomo:"Il programma nucleare dell'Italia non cambia"

Fukushima: il reattore numero 2 sta per fondere
14/03/2011, 21:03

Le barre di combustibile del reattore numero due della centrale nucleare di Fukushima sono rimaste in più occasioni del tutto scoperte, dando quindi inizio al devastante processo di fusione del nucleo.
Il rischio di catasfrofe nucleare, dunque, diventa ogni ora più alto. Gli esperti della Tepco, la società che gestisce il maggior numero di impianti atomici nel Giappone, stanno tentando di scongiurare quello che sarebbe un gravissimo incidente in ogni modo. Dopo l'esplosione dei reattori numero uno e numero tre, si è deciso di utilizzare l'acqua di mare per raffreddare quello "superstite"; ovvero il numero 2. Le misure, a quanto pare, si sono però rivelate insufficienti ed ora la possibilità di una nuova esplosione e di altro materiale radioattivo disperso nell'atmosfera diventa concreta.

PRESTIGIACOMO:"IL NOSTRO PROGRAMMA NON CAMBIA"
E mentre tutti gli stati d'Europa provvedono a rivedere e limitare i propri programmi di utilizzo e sviluppo del nucleare, l'Italia, con 24 anni di ritardo, si dimostra decisa a tagliare tutti gli incentivi per le energie rinnovabili (sicure ed ecologiche) e a continuare la lenta e costosissima corsa all'atomico.
Ad assicurare che il Bel Paese non ha la minima intenzione di rivedere i propri piani d'investimento sull'energia nucleare è il ministro Stefania Prestigiacomo; convinta, insieme a Franco Frattini, che non sia necessaria nessuna nuova discussione su sicurezza e necessità degli impianti.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©