Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nessun commento da parte dei collaboratori di Romney

Gaffe di Romney, comizio nel locale di un narcotrafficante


Gaffe di Romney, comizio nel locale di un narcotrafficante
14/08/2012, 11:05

MIAMI (Florida) - Ennesimo gaffe per il candidato repubblicano alla Casa Bianca, Mitt Romney. A caccia di voti dell'influente comunità degli espatriati cubani a Miami, Romney ha ben deciso di organizzare un evento elettorale in locale alla moda, El Palacio de los Jugos, piuttosto famoso per le sue bibite a base di succhi di frutta tropicale che accompagnano piatti caraibici. Il proprietario del locale, Reinaldo Bermudez detto 'el Guajiro', però è un noto narcotrafficante, attività che nel 1999 gli costò una condanna a tre anni di carcere, scontata per intero.
Una scelta alquanto imbarazzante per un uomo politico che fa della difesa dell'ordine uno dei suoi cavalli di battaglia. Tra i tanti bar e ristoranti disponibili in una città come Miami, Romney non ha trovato di meglio che quello di un criminale recidivo il quale a novembre non potrà nemmeno votare, essendo stato interdetto dall'elettorato attivo come pena accessoria.
La scelta del locale, in effetti, aveva suscitato sconcerto e  polemiche tra i politici locali di lungo corso che di solito incontrano candidati repubblicani in posti più famosi, e soprattutto più raccomandabili, tipo la celebre caffetteria Versailles, nel cuore di Little Havana. L'ex governatore del Massachusetts ha voluto cambiare, aggiungendo un'altra imbarazzante gaffe alla sua già lunga lista. Bermudez, dal canto suo, non si è certo impegnato a trarlo d'impaccio. Anzi, se possibile, ha aggravato la situazione raccontando al quotidiano The Miami New Times che, quando gli è stato chiesto dal comitato elettorale di Romney di poter utilizzare il locale per un comizio, il suo passato e il suo presente sono stati passati letteralmente al setaccio dagli agenti del Secret Service, il servizio di sicurezza presidenziale cui spetta assistere anche i candidati alla Casa Bianca. "Di me e dei miei precedenti erano assolutamente a conoscenza, sapevano tutto", ha puntualizzato il proprietario del Palacio de los Jugos. "Hanno controllato ogni cosa, e non ci sono stati problemi. Tutti, ha concluso, meritano una seconda occasione".
Per ora, ancora nessun commento è giunto dai collaboratori di Romney

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©