Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

GAZA: CONTINUA L'OFFENSIVA ISRAELIANA


GAZA: CONTINUA L'OFFENSIVA ISRAELIANA
30/12/2008, 08:12

Non cessano i bombardamenti israeliani su Gaza e sui palestinesi. I dati ufficiali parlano di 350 morti e 1600 feriti, ma c'è un dato che dimostra che sono sottovalutati: non c'è più spazio per seppellire i morti nel cimitero della città palestinese. Nel frattempo Israele continua a tenere i giornalisti lontano dal teatro delle operazioni (qualunque giornalista voglia entrare in territorio palestinese verrebbe ucciso) dopo aver permesso che filmassero - per propaganda interna - l'ammassamento dei carri armati Merkava al confine con la Palestina. Ma in realtà le operazioni di terra sono già iniziate. Sono partiti i commando, incaricati di uccidere nottetempo quelli che vengono considerati i capi di Hamas e i loro familiari, Così per esempio ieri sono stati uccisi Ziad Abu Tir - considerato un ufficiale di Hamas - e tre suoi uomini, insieme ai loro familiari, tra cui un bambino di 8 anni.

In questa situazione, continua l'appoggio esplicito ed incondizionato di USA ed Europa ad Israele, dato che gli unici messaggi che i governanti stanno inviando sono ad Hamas, imponendo lo stop al lancio di missili Qassam, che ieri hanno fatto la seconda vittima, anche se in maniera molto accidentale. Infatti un razzo è finito in mezzo ad un gruppo di operai beduini che stavano riparando una abitazione, uccidendo uno di looro e ferendone altri 5. Nessuna parola o azione contro Israele e i selvaggi bombardamenti che stanno martoriando Gaza.

L'ANP ha dichiarato interrotti i colloqui con Israele, fino a quando non si porrà fine a questo massacro. Nel frattempo Hamas cerca di fare la voce grossa, affermando che "Israele ha cominciato l'attacco, ma sarà Hamas a decidere quando questo finirà", ma si vede che sono solo parole, in quanto questo attacco sta segnando il genocidio del popolo palestinese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©