Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il piano prevede la pulizia etnica dei villaggi del Negev

Gaza: continuano le proteste contro il piano Prawer


Gaza: continuano le proteste contro il piano Prawer
16/07/2013, 14:09

GAZA - Anche oggi due manifestazioni nella striscia di Gaza contro il piano Prawer: una organizzata dal Fronte per la Liberazione della Palestina, l'altra apartitica. Si tratta di un terribile progetto, per la pulizia etnica di tutti i villaggi ai margini del deserto del Negev. In pratica, il governo ha deciso l'annessione di tutti questi terreni, che attualmente ospitano una quarantina di villaggi abitati per lo più da beduini. Si tratta di circa 30-40 mila persone che da un giorno all'altro verranno sbattuti fuori dalle loro case, per permettere alle società edilizie israeliane di costruire abitazioni riservate ad ebrei. 
Intanto, carri armati israeliani sono entrati nella Striscia di Gaza, con il preciso obiettivo di distruggere le coltivazioni palestinesi. Infatti mentre i carri armati, con i loro cingoli, distruggevano le abitazioni, con i cannoni sparavano colpi di intimidazione contro gli abitanti della zona, per costringerli a non uscire dalle case. Quando se ne sono andati, al posto di quei pochi terreni che i palestinesi cercano di coltivare, c'era solo del terreno devastato

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©