Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ieri notte 13 raid aerei contro la Striscia

Gaza: l'esercito israeliano risponde ai razzi Qassam


Gaza: l'esercito israeliano risponde ai razzi Qassam
02/04/2010, 17:04

GAZA - Resta alta la tensione a Gaza dopo i raid aerei della scorsa notte compiuti dall'esercito israeliano, in risposta ai continui lanci di razzi Qassam dal territorio palestinese. Secondo quanto riportano i media israeliani, prima di mezzogiorno un nuovo razzo Qassam è caduto nei pressi della città di Ashkelon, senza fare vittime o danni. Ieri sera un altro razzo era stato sparato contro il sud di Israele.
In totale, annuncia il sito web di Haaretz, almeno 35 razzi sono stati sparati dalla Striscia di Gaza, territorio controllato dal giugno 2007 dal gruppo integralista Hamas. Fonti palestinesi hanno riferito alla Bbc che la notte scorsa i jet israeliani hanno compiuto 13 raid contro la Striscia, quattro dei quali nell'area vicino Khan Younis, dove la scorsa settimana due soldati israeliani sono rimasti uccisi nel corso di scontri con miliziani palestinesi. Nei raid sono rimasti feriti tre bambini, hanno detto fonti mediche locali. Testimoni e fonti di Hamas hanno spiegato che negli attacchi è stata colpita una fonderia, un campo delle Brigate Ezzedine al Qassam e una fabbrica di latticini.
Intanto il primo ministro di Hamas Ismail Haniyeh ha chiesto alla comunità internazionale di intervenire per fermare gli attacchi israeliani ed impedire una escalation nell'area. Israele ha invece detto che se non cesseranno i lanci di razzi contro il suo territorio ci sarà una nuova massiccia operazione contro la Striscia. Tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009 Israele condusse un’ offensiva di tre settimane per fermare gli attacchi con i Qassam.
"Se il lancio di razzi contro Israele non cesserà, dovremo intensificare le nostre azioni contro Hamas", ha avvertito il vice premier Sylvan Shalom attraverso i microfoni della radio pubblica israeliana. "Non permetteremo nuovamente di vedere bambini terrorizzati nei rifugi, questo ci obbligherebbe a lanciare una nuova operazione militare".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©