Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Nuovi raid aerei contro Hamas

Gaza: miliziani annunciano abbattimento caccia israeliano

Dopo 21 anni aperti rifugi a Tel Aviv

Gaza: miliziani annunciano abbattimento caccia israeliano
16/11/2012, 10:00

ISRAELE –  Non si sono fermati  i raid aerei su Gaza, nonostante l’annuncio di  un “cessate il fuoco” in concomitanza con la visita del premier egiziano, Israele ha ripreso gli attacchi , colpendo il nord della Striscia,  ma non si sono fermati nemmeno gli attacchi palestinesi da Gaza verso Israele. E così si infiamma il conflitto tra Israele e Hamas. I razzi lanciati dalla Striscia di Gaza hanno bersagliato, dopo 21 anni, anche Tel Aviv, scatenando la violenta risposta dell'esercito israeliano, che ha richiamato 16 mila riservisti (in prevalenza unità di fanteria e del genio). Il bilancio è di 19 vittime palestinesi e 3 israeliane; oltre 200 i feriti nella Striscia. Il premier egiziano Hisham Kandil, accompagnato da diversi consiglieri e dal ministro della sanità Mustafa Hamed, e' arrivato a Gaza e vi restera' per tre ore. Scopo della missione, è stato spiegato in Egitto, è di esprimere solidarietà ai palestinesi della Striscia e di verificare quali aiuti possano essere più urgenti.

(AGGIORNAMENTO DELLE 16:10) - Le brigate Izzeddin al Qassam di Gaza affermano di aver abbattuto un caccia israeliano con un missile terra-aria. I miliziani lo annunciano sul loro account Twitter. Le sirene di allarme risuonano a Gerusalemme. Lo affermano testimoni. In precedenza le sirene sono risuonate nuovamente a Tel Aviv nel terzo giorno di raid israeliani su Gaza mentre un altro razzo sparato da Hamas è caduto in mare senza provocare vittime: nella città israeliana sono stati riaperti i rifugi pubblici dopo 21 anni. L'ultima volta fu nel 1991, quando Tel Aviv fu bersagliata da missili iracheni Scud. Continuano intanto senza sosta i raid dell'aviazione israeliana sulla Striscia, e l'esercito israeliano ha disposto il richiamo di 16mila riservisti: "Un'operazione di terra a Gaza si avvicina", ha affermato stamani all'alba la radio militare. Il presidente egiziano Morsi ha tuonato contro gli attacchi definendoli "un'aggressione contro l'umanità". E stamani il suo primo ministro, Hisham Kandil, ha visitato per circa tre ore la Striscia dove si è recato ufficialmente per esprimere solidarietà a gli abitanti di Gaza e portare aiuto.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©