Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

GAZA: OLTRE 1100 MORTI, 5000 FERITI


GAZA: OLTRE 1100 MORTI, 5000 FERITI
16/01/2009, 11:01

Continua l'offensiva israeliana a Gaza, con i palestinesi che di giorno vengono colpiti dall'artiglieria o dai fucili dei soldati, mentre la notte è un susseguirsi di bombardamenti. Non c'è un posto dove fuggire, perchè ormai la zona è sigillata dagli israeliani che sparano su qualunque persona vedano, anche su chi ha una bandiera bianca. Non c'è un posto dove nascondersi, perchè gli israeliani stannoconcentrando i loro attacchi sui luoghi che normalmente sarebbero adattati come rifugi: scuole, moschee, ospedali, sedi ONU. Cioè tutti quei posti che normalmente offrirebbero ampi spazi per riunire gli sfollati e coloro che ha visto la propria casa distrutta. E intanto i morti aumentano. L'ultimo bollettino parla di 1133 morti e 5130 feriti tra i palestinesi, ma sono dati comunque parziali. Per contro gli israeliani hanno avuto 10 morti, più della metà causati da fuoco amico.

Intanto Israele continua a pretendere che a controllare il blocco del valico di Rafah e dei tunnel che portano in Palestina, in territorio egiziano, sia l'esercito statunitense, cosa inaccettabile per qualunque paese dell'area mediorientale. E l'esercito si appresta a produrre il massimo sforzo per eliminare quanti più palestinesi possibile, visto che in questo i sondaggi fatti in territorio israeliano dimostrano che questo vuole la maggioranza dela popolazione. E questo dovrebbe far riflettere tutti coloro che dicono che Israele sta solo colpendo Hamas e che quello israeliano è un popolo pacifico.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©