Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Accusato di aggressione sessuale, ma vittime hanno smentito

Gb: per Assange confermata l'estradizione in Svezia


Gb: per Assange confermata l'estradizione in Svezia
02/11/2011, 11:11

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - L'Alta Corte di Londra ha respinto il ricorso presentato da Julian Assange, contro l'estradizione richiesta dalla Svezia e confermata dal tribunale di primo grado. Ora l'australiano fondatore di Wikileaks ha 10 giorni per presentare il ricorso alla Corte Suprema oppure verrà trasferito in Svezia. Dove in teoria dovrebbe rispondere di due casi di aggressione sessuale, nei confronti di due ragazze che hanno denunciato il fatto che lui si sia rifiutato di indossare il preservativo durante un rapporto consensuale. In realtà, sono molti a pensare che queste accuse siano una falsità che serve solo a giustificare una nuova estradizione verso gli Usa, che accusano Assange di spionaggio per la rivelazione dei cablogrammi diplomatici fatta su Wikileaks.
Il ricorso di Assange, basato sul fatto che l'estradizione sarebbe "ingiusta ed illegale" non è stato accettato. Ed ora, secondo la legge inglese, il ricorso può essere fatto solo se esiste un interesse pubblico da difendere.
Fuori dal Tribunale, centinaia di persone hanno aspettato l'arrivo di Assange (in un impeccabile abito blu) con striscioni con scritto: "Liberate Assange. Liberate Manning (il soldato che è accusato di aver passato i cablogrammi ad Assange e che da allora è detenuto senza poter vedere nè l'avvocato nè i familiari, ndr)".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati