Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

GB: POLEMICHE PER LA TRASMISSIONE DI UN SUICIDIO ASSISTITO


GB: POLEMICHE PER LA TRASMISSIONE DI UN SUICIDIO ASSISTITO
11/12/2008, 09:12

SI stanno sollevando polemiche in Gran Bretagna per la trasmissione "Right to die?" ("E' giusto morire?"), che verrà trasmessa sul canale satellitare Sky Real Lives. Infatti verranno mostrati gli ultimi minuti di vita di Craig Ewert, 59 anni, professore universitario. L'uomo, ammalato di Sclerosi Laterale Amiotrofica o SLA (la stessa malattia di Piergiorgio Welby o di Stafano Borgonovo, per prendere in esame i casi più noti dalla TV), si è recato in Svizzera a morire, perchè lì ci sono leggi che tutelano la possibilità - a chiare e rigorose condizioni - di ricorrere al suicidio assistito. Le scene di per sè non sono nulla di particolare e si concludono con l'uomo che si scambia l'ultimo bacio con la moglie; un medico che gli offre un liquido, dicendogli che se lo beve morirà; Ewart beve, dopo di che chiede del succo di mela e della musica e dopo qualche minuto si addormenta per sempre.

Ma contro questa trasmissione si sono scagliati i gruppi anti-eutanasia, e anche un'autorità di controllo delle trasmissioni televisive. Ma ad essi ha risposto Mary Ewart, moglie del professore: "Non voleva vivere il resto dei suoi giorni in una tomba vivente".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©