Dal mondo / America

Commenta Stampa

Famiglie povere senza aiuti per il riscaldamento

Gelo polare negli Usa, treni bloccati dal ghiaccio. A bordo 500 persone


Gelo polare negli Usa, treni bloccati dal ghiaccio. A bordo 500 persone
08/01/2014, 18:27

L’ondata di freddo polare che ha colpito il Midwest americano ora si sta spostando anche verso gli stati orientali e meridionali degli Usa. Secondo i meteorologi saranno circa 187 milioni gli americani coliti dall’ondata di gelo che sta toccando anche la Georgia, il Tennessee e la Florida.
Temperature polari anche a New York, dove la colonnina di Mercurio segna – 20 gradi. Previste temperature sotto lo zero anche in alcune zone della Florida, tanto che è stata lanciata l’allerta gelo. Il freddo polare ha colpito anche i trasporti aerei: sono circa 4500 i voli cancellati lunedì mentre 1400 hanno subito ritardi. Mercoledì, invece, sono stati cancellati circa 2300 voli mentre 3200 hanno subito notevoli ritardi.
Il ghiaccio, in queste ore, sta bloccando anche i treni. Secondo la compagnia ferroviaria Amtrak,  nel nord dell’Illinois, sono 3 i treni bloccati e a bordo ci sarebbero circa 500 persone. Due treni provengono dalla California e sono bloccati nei pressi di Mendota, a causa della forte tempesta di neve. I treni si sono bloccati dopo che un primo convoglio ha urtato contro un cumulo di neve che ha paralizzato i motori. In corso, con difficoltà, i soccorsi. I passeggeri verranno trasbordati su dei pullman.
A risentire di più dell’ondata polare sono soprattutto le famiglie povere che non stanno ricevendo gli aiuti federali per il riscaldamento. Lo denuncia l'Huffington Post che titola "Mentre la nazione entra nel gelo profondo, il Congresso lascia gli americani al freddo". Con i tagli alla spesa pubblica, infatti, è stato ridotto di ulteriori 155 milioni il finanziamento del Low Income Home Energy Assistance Program, il programma che fornisce sussidi federali alle famiglie a basso reddito per sostenere i costi per il riscaldamento, generalmente molto elevati negli stati più freddi. In generale i fondi destinati a questo programma sono diminuiti dal 2010 da 5,1 miliardi di dollari a 3,3 miliardi.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©