Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Accudivano bambina virtuale, i due sono stati condannati

Genitori giocano su internet, figlia muore di fame


Genitori giocano su internet, figlia muore di fame
01/06/2010, 21:06

Loro giocano su internet, la figlia intanto muore di fame. La tragica storia accaduta lo scorso settembre, ha visto l’arresto di due persone. Si tratta di padre e madre di una famiglia della Corea del Sud dove una neonata, ignorata dai genitori troppo impegnati in un gioco di ruolo online, è stata lasciata morire di fame. Nove mesi fa la coppia aveva abbandonato la piccola in casa ed era corsa in un internet cafè per giocare virtualmente a fare i genitori. Lo scopo del gioco on line era proprio quello di crescere una bambina virtuale. Uno strano scherzo del destino, per persone troppo coinvolte dalla tecnologia per accorgersi dell’importanza della vita reale. Il padre, un autista di taxi di 41 anni, e la madre, 25enne, passavano in media dieci ore al giorno davanti allo schermo e, per non interrompere il gioco da cui erano totalmente dipendenti, davano da mangiare alla figlia solo una volta al giorno. La piccola, nata prematuramente, pesava poco più di due chilogrammi e, secondo quanto appurato dai giudici, veniva picchiata non appena iniziava a piangere.
Oggi i genitori sono stati condannati a due anni di carcere, ma la pena della donna è stata sospesa perché è in attesa di un altro bambino. Stavolta da trattare con maggiore cura.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©