Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Varato il progetto per la produzione di energia rinnovabile

Germania: 32 miliardi per l'addio al nucleare in 10 anni


Germania: 32 miliardi per l'addio al nucleare in 10 anni
31/05/2012, 09:05

BERLINO (GERMANIA) - La cancelliera tedesca Angela Merkel ha annunciato il piano per la chiusura di tutte le centrali nucleari del Paese. L'intenzione era stata annunciata subito dopo il disastro della centrale nucleare di Fukushima, nell'aprile del 2011, con l'annuncio che l'ultima centrale sarebbe stata spenta nel 2022; ma ora è stato pianificato nei dettagli. In pratica, le centrali nucleari verranno sostituite in parte da centrali ad energia rinnovabile (solare ed eolico), portando l'energia prodotta con questo sistema dal 30% circa attuale a più del 40%. Non basterà naturalmente, dato che le 17 centrali nucleari possono produrre fino ad un terzo dell'energia nazionale. Per questo si pensa a costruire qualche centrale a gas, anche se questo aumenterà la dipendenza del Paese dalla Russia. Tanto che alcuni parlamentari hanno proposto di ritornare ad usare il carbone nelle centrali termoelettriche, nonostante questo aumenti l'emissione di anidride carbonica nell'atmosfera.
I costi sono divisi in due capitoli: la costruzione di parchi eolici e solari, che vedrà l'impegno di 12 miliardi di euro; mentre altri 20 miliardi serviranno per la costruzione di nuove linee elettriche e il potenziamento di quelle esistenti, dato che la produzione si sposta verso il nord del Paese - più adatto soprattutto per l'eolico- mentre la parte più industrializzata è nel sud. Nel calcolo non sonocompresi i costi per lo smantellamento delle centrali nucleari, in calcolabili ma comunque enormi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©