Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

GERMANIA: ASSOLTI DUE MEDICI CHE AVEVANO FATTO MORIRE UN MALATO TERMINALE


GERMANIA: ASSOLTI DUE MEDICI CHE AVEVANO FATTO MORIRE UN MALATO TERMINALE
23/12/2008, 10:12

Mentre il Italia si dibatte sul caso di Eluana Englaro, negli altri Paesi si comincia ad avere ben chiaro quale è l'atteggiamento da assumere su una questione così delicata. E così in un Tribunale di Magdeburgo, cittadina della Sassonia-Anhalt, lander (cioè regione) dell'ex Germania Orientale, sono stati assolti due medici, accusati di avere collaborato a staccare la spina ad un paziente inglese, malato terminale. Timothy S. aveva avuto un gravissimo incidente stradale, essendo stato investito da un'automobile mentre andava in bicicletta. Era rimasto completamente paralizzato, ma almeno poteva parlare. Poi ha perso l'uso della lingua e la respirazione era peggiorata al punto da costringerlo ad usare un respiratore. Per intenderci, stava in una situazione paragonabile a quella di Piergiorgio Welby, solo evolutasi così in pochi giorni. Poi nel 2003, dopo il suo trasferimento all'ospedale di Magdeburgo, Timothy era andato in coma e pochi mesi dopo era morto. Sul certificato di morte i medici avevano scritto che il ragazzo era morto di morte naturale, ma in realtà era stato il fratello, con l'accordo dei familiari, a staccare la spina. E i due medici erano sotto processo proprio per avere documentato il falso.

Ma ancor prima che dalla sentenza, i due sono stati assolti dalla Pubblica Accusa, che ha esplicitamente affermato che i due sono medici "rispettabili e benemeriti", per quello che hanno fatto.

In Germania ci sono leggi severe che vietano l'assistenza alla morte, ma c'è un vastissimo movimento he invece chiede la possibilità dell'eutanasia e del suicidio assistito. Per ora, chi ne necessita, può rivolgersi a Dignitas, una associazione privata scizzera che aiuta con il suicidio assistito in un Paese dove questo è assolutamente legale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©