Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Sarà primo Paese, dopo l'Italia, a chiudere con le centrali

Germania: dal 2022 addio al nucleare

Ministero dell'Ambiente: "Non torneremo indietro"

Germania: dal 2022 addio al nucleare
30/05/2011, 09:05

BERLINO (GERMANIA) - L'annuncio è di quelli storici, piaccia o no: la Germania non costruirà più nuove centrali nucleari ed entro il 2022 spegnerà quelli attualmente in funzione. Già adesso la metà delle 17 centrali nucleari scollegate dalla rete elettrica dopo Fukushima ed avviate allo spegnimento (tutti reattori costruiti prima del 1980) non verranno più riattivati. Per gli altri si aspetterà la scadenza già prevista per la loro chiusura e verranno progressivamente disattivate; appunto entro il 2022.
La scelta non è stata certo indolore: il nucleare fornisce in Germani ail 22% dell'energia elettrica. Ma ad esso si supplirà con un incremento della produzione di energia da fonte rinnovabile. In particolare, con la costruzione di diversi parchi eolici che utilizzeranno delle turbine più efficienti di quelli usati attualmente.
Queste decisioni sono state prese al termine di una riunione che ha visto i partiti di governo esaminare i disastrosi risultati delle ultime elezioni locali. Al termine, il Ministro dell'Ambiente Norbert Roettengen è stato lapidario: "E' una decisione irreversibile. Dopo una lunga consultazione - ha detto ancora Rottgen - c'è un'intesa, una scelta decisiva e chiara".
E noi dovremmo decidere di entrare nell'atomo quando glialtri ne escono?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©