Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Germania: il Presidente Kohler si dimette per avere detto la verità sull'Afghanistan


Germania: il Presidente Kohler si dimette per avere detto la verità sull'Afghanistan
31/05/2010, 14:05

BONN - Con voce rotta dall'emozione, affiancato dalla moglie Eya Luise, il Presidente tedesco Horst Koehler ha annunciato oggi le sue dimissioni, per le polemiche scatenate nei giorni scorso dalle sue dichiarazioni. Infatti, in una intervista, Koehler aveva detto che l'esercito tedesco era in Afghanistan anche per difendere gli interessi economici della Germania: "Un Paese delle nostre dimensioni, concentrato sull'export e quindi sulla dipendenza dal commercio estero, deve rendersi conto che gli sviluppi militari sono necessari in un'emergenza per proteggere i nostri interessi, ad esempio per quanto riguarda le rotte commerciali o per impedire instabilità regionali che potrebbero influire negativamente sul nostro commercio, sull'occupazione e sui redditi". Queste dichiarazioni avevano scatenato le reazioni di tutta la maggioranza, che le aveva duramente contestate. Non riuscendo a reggere la pressione, il Presidente tedesco si è dimesso.
Purtroppo si sa che in guerra non si può mai dire la verità. Lo scoprì anche il direttore della CNN del 2003, costretto a dimettersi dopo avere rivelato che fino a quel momento tutti i giornalisti morti in Afghanistan erano stati uccisi dai soldati USA.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©