Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Per la prima volta, riconosciuta la superiorità legale

Germania: la Consulta china il capo davanti all'Europa


Germania: la Consulta china il capo davanti all'Europa
08/02/2014, 10:52

KARLSRUHE (GERMANIA) - Per la prima volta in 60 anni la Corte Costituzionale tedesca riconosce la supremazia delle leggi europee rispetto a quelle nazionali, evitando il rischio di distruggere l'intera architettura europea. 

Questa è la conseguenza più diretta della decisione presa ieri sul ricorso contro il fondo Salva-Stati. Il ricorso voleva limitare l'intervento tedesco a favore degli altri Stati in difficoltà, come è stata la Grecia; o anche annullarlo, come chiedeva una petizione firmata da 35 mila tedeschi. Ma alla fine la Consulta tedesca ha riconosciuto la superiorità legislativa della Corte Europea di Lussemburgo; e quindi, che di fronte al suo parere positivo alla legge salva-Stati, anche la Germania deve agire di conseguenza. 

L'importanza di questa decisione è che finora la Germania era stato l'unico Paese che aveva sempre rifiutato di riconocere la superiorità delle autorità europee rispetto a quelle nazionali (mentre gli altri Paesi le riconoscono a meno che non si violino i principi costituzionali). Se anche in questo caso avesse deciso per il no, avrebbe creato un precedente che avrebbe autorizzato ciascuno degli altri 27 Paesi europei a non obbedire alle leggi europee che fossero scomode. E questo avrebbe significato implicitamente il fare a pezzi l'intera architettura istituzionale europea, nel lungo periodo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©