Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Germania: licenziata per avere mangiato una polpetta


Germania: licenziata per avere mangiato una polpetta
07/10/2009, 16:10

Sappiamo che i tedeschi passano per persone precise e puntigliose fino all'estremo; ma questa volta hanno esagerato anche loro. Magdalene H., 59 anni, in servizio presso l'Associazione dei costruttori edili della Westfalia da 34 anni, è stata licenziata per avere mangiato una polpetta e due mezzi panini da un buffet freddo che era stato preparato per il capo e i suoi ospiti. La segretaria, nel luglio scorso, era stata assalita dai morsi della fame mentre stava preparando la tavola per il buffet, e aveva risolto il problema con molta praticità. Una collega della donna l'aveva notata e l'aveva riferito ai superiori. Risultato, la signora Magdalene è stata licenziata in tronco perchè "era stato leso il rapporto di fiducia tra le parti", come ha tenuto a sottolineare il Presidente Hermann Schulte-Hiltrop.
La questione è finita in Tribunale, dove anche il giudice ha ritenuto esagerata la decisione dell'azionda, proponendo, come compromesso, la riassunzione nel posto di lavoro e una ammonizione. Ma l'azienda è stata irremovibile e quindi la causa di lavoro andrà avanti.
Certo che non è la prima volta che accadono cose del genere in Germania. La commessa di un negozio era stata licenziata poco tempo fa, per essersi appropriata di due buoni, dimenticati dal cliente, per i vuoti delle bottiglie: uno da 42 centesimi e uno da 84 centesimi. Un dipendente di una azienda era stato licenziato per aver ricaricato il cellulare dall'ufficio, facendo una telefonata che era costata ben 0,000014 centesimi. Siamo all'assurdo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©