Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ancora scontri in Libia più di 50 i combattenti

Gheddafi monitorato:L'arresto è solo questione di tempo

"Troppi errori commessi dal Cnt fanno perdere credibilità"

Gheddafi monitorato:L'arresto è solo questione di tempo
14/10/2011, 19:10

LIBIA - “La cattura di Gheddafi è solo una questione di tempo” queste le parole che rassicurano il popolo libico , comunicate dal vice capo del Cnt, Abdun Hafiz Ghoga. «Abbiamo conferma che Gheddafi è nel sud della Libia non si trova in un posto, ma si muove di continuo con un piccolo convoglio composto dai più stretti collaboratori e dalle guardie del corpo». L’ex rais sembrerebbe quindi essere stato localizzato nel sud del deserto e sotto monitoraggio via satellitare , ma queste testimonianze non sembrano convincere del tutto e numerose sono le critiche che sono state mosse nei confronti degli annunci del Cnt. Il primo a muovere critiche è stato Mohammed Ali Abdullah, numero due del Fronte di Salvezza libico, che nel corso di un intervista alla tv satellitare al-Arabiya per commentare le notizie contrastanti giunte da Sirte circa la cattura di Muttasim Gheddafi, poi smentite, ha riferito “Hanno commesso un grave errore i dirigenti del Cnt che in questi giorni hanno diffuso notizie false sulla cattura dei figli di Muammar Gheddaf.Troppi errori che fanno perdere credibilità”. Nel corso della stessa Abdullah avrebbe invitato il pubblico a credere a questi annunci solo se supportati da un video di conferma. Proprio come il video che ha mostrato la cattura del Mufti di Gheddafi, lo sceicco Khaled Tantush e poi pubblicato su you tube dai soldati del Cnt. In questo si vedeva chiaramente il religioso nelle mani degli uomini del Consiglio nazionale libico che lo hanno portato a misurata.
Altre critiche sono state poi mosse a causa dei dubbi sorti anche dalle emittenti più vicine ai rivoluzionari come al-Jazeera e al-Arabiya, che si stanno interrogando su come mai i soldati di Gheddafi, considerati da molti solo dei mercenari africani, resistano con tanta tenacia a Sirte e non si arrendono.
Mentre le discussioni vanno avanti i combattimenti tornano sulle strade di Tripoli. Tra 20 e 50 sarebbero i combattenti filo Gheddafi nuovamente impegnati i scontri a fuoco presso la capitale libica contro le forze del Consiglio Nazionale transitorio. Nel quartiere di Abu Salim sono subito accorse le forze di Cnt su Pick Up e secondo alcuni testimoni sono state impiegate armi automatiche e mitragliatrici pesanti. Numerosi gli slogan dei guerriglieri a favore dell’ex leader.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©