Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Udite dieci esplosioni nella mattinata dal quartier generale

Gheddafi: "Rimarrò a Tripoli vivo o morto"

Messaggio audio del leader libico trasmesso in tv

Gheddafi: 'Rimarrò a Tripoli vivo o morto'
07/06/2011, 19:06

TRIPOLI - "Non abbiamo paura. Siamo più forti dei vostri missili. Resterò in Tripoli, vivo o morto. La battaglia ci e' stata imposta ma non temiamo la morte e continueremo a combattere i nemici". Sono state queste le parole di Gheddafi in un messaggio audio trasmesso dalla tv di Stato libica. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama a sua volta ha annunciato nel corso di una conferenza stampa con il cancelliere tedesco Angela Merkel alla Casa Bianca che intensificherà la pressione sul leader libico. "Cosa volete? Cosa volete da noi? Pensate di vincere? Per noi la morte e il martirio sono benvenuti (...) e io rimarrò a Tripoli, vivo o morto!", ha aggiunto Gheddafi rivolgendosi ai leader occidentali e alla Nato. Intanto un'alta colonna di fumo si è alzata nei pressi del compound che ospita la residenza di Muammar Gheddafi. Infatti secondo quanto riferiscono alcuni testimoni citati dalla CNN, nel corso della mattinata sono state almeno dieci le esplosioni udite a Tripoli. Si tratta, secondo le dichiarazioni rilasciate da un portavoce del governo libico alla Bbc, di raid Nato che hanno colpito installazioni militari e semi-militari della guardia rivoluzionaria fedele al regime.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©