Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Giappone: dopo 50 anni vince il Partito Democratico


Giappone: dopo 50 anni vince il Partito Democratico
31/08/2009, 09:08

I sondaggi lo dicevano, ma il voto lo ha sancito: per la prima volta dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, il Partito Liberaldemocratico non ha la maggioranza nella Dieta, il Parlamento giapponese. Il partito del premier Taro Aso ha conquistato circa un terzo dei 300 seggi che aveva avuto alle ultime elezioni, mentre il Partito Democratico di Yukio Hatoyama ha raggiunto la maggioranza. Questo ha provocato le dimissioni del governo, che presto sarà sostituito da uno guidato da Hatoyama, probabilmente.
Aso paga in prima persona la crisi che ha colpito in maniera estremamente seria il Giappone: il PIL cala da 4 trimestri consecutivi, la disoccupazione ha raggiunto livelli che non si vedevano dal Dopoguerra e comincia ad aleggiare un notevole sconforto tra la popolazione. Anche perchè, per la mentalità giapponese, perdere il posto di lavoro non è qualcosa che incide solo dal lato economico; è una sconfitta personale, che può portare ad una sorta di emarginazione sociale. Quindi, anche se il dipendente non è responsabile, per lui è una umiliazione essere licenziato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©