Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Giappone: eseguite tre condanne a morte


Giappone: eseguite tre condanne a morte
28/07/2009, 14:07

Sono state eseguite ieri in Giappone tre condanne a morte, per impiccaggione, come è prassi in quel Paese. Uno dei tre è Hiroshi Maueue, 40 anni , chiamato "Il killer dei suicidi". Nel 2005 contattò tre persone, in tre occasioni diverse, su un sito di aspiranti suicidi. Dopo di che li incontrò e li uccise soffocandoli a mani nude. Si tratta del secondo gruppo di esecuzioni nel 2009; il primo è avvenuto a gennaio.
Amnesty International ha protestato per queste esecuzioni,  con un comunicato: "Sia all'interno che a livello internazionale, ci sono forti appelli a rivedere il sistema penale giapponese, ivi compreso il sistema della pena di morte. Dando corso a queste esecuzioni, il Giappone ha girato le spalle a tali appelli". Gli USA e il Giappone sono gli unici due Paesi, tra quelli del G8, ad usare la pena di morte.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©