Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Danni ingenti, ma la situazione è già quasi normale

Giappone: il tifone Hagibis si allontana, lasciando 35 morti dietro di sè


Giappone: il tifone Hagibis si allontana, lasciando 35 morti dietro di sè
14/10/2019, 10:28

TOKYO (GIAPPONE) - Il tifone Hagibis ormai non è più un pericolo, declassato a tempesta extratropicale. Ma ha sconquassato il Giappone, con le sue fortissime piogge. E in questo caso è stata l'acqua il problema, ancora più dei suoi temibili venti a oltre 200 Km/h. Infatti oltre 20 fiumi sono esondati nelle diverse parti del Paese, inondando vaste zone. Non è un caso che l'immagine più trasmessa sia stata quella ripresa da un elicottero nella prefettura di Nagumo: sette treni ad alta velocità (in Giappone si chiamano Shinkansen, "treno proiettile) coperti per metà dall'acqua ma perfettamente allineati sui binari della stazione ferroviaria di partenza. E le esondazioni purtroppo hanno fatto ben 35 vittime, con quasi 400 mila case senza elettricità e 14 mila senza acqua corrente. E il bilancio poteva essere peggiore, senza l'evacuazione di milioni di persone, radunate nelle palestre delle scuole messe in sicurezza contro il pericolo inondazioni. La maggior parte delle persone morte lo sono state a causa delle frane, che hanno sepolto le loro abitazioni o che hanno sfondato i muri permettendo all'acqua di entrare. Altre persone sono morte per essere uscite di casa troppo presto dopo la fine delle piogge, dimenticando che ci vuole tempo perchè un fiume esondi: sono state travolte dall'acqua oppure annegate nella loro auto in balia dell'acqua.

Ma il Giappone è il Giappone, anche in queste tragedie: già 24 ore dopo il passaggio del tifone quasi tutti i servizi ferroviari sono stati rimessi in funzione e prima di questa sera anche i viaggi aerei saranno nuovamente possibili. Tutte le società elettriche sono al lavoro con tutti i loro dipendenti per ridare elettricità a chi ha subito black out e si prevede che i disagi saranno pari a zero prima della fine della settimana.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©