Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

I regali firmati col nome di un personaggio dei fumetti

Giappone: l'Uomo Tigre fa ancora notizia

Un misterioso benefattore fa regali ai bambini


Giappone: l'Uomo Tigre fa ancora notizia
11/01/2011, 16:01

TOKYO (GIAPPONE) - Chi ama i cartoni animati o i fumetti giapponesi ricorderà L'Uomo Tigre. E' un lottatore di wrestling - ma una versione molto violenta dello sport spettacolo - che usa i soldi per aiutare i bambini orfani del Giappone, essendo anche lui un orfano. Ebbene, quest'anno l'Uomo Tigre è tornato, ma non sul ring. Un misterioso benefattore ha lasciato il 25 dicembre scorso circa 300 mila yen (pari a 2800 euro) davanti ad un consultorio per la tutela dei minori di Maebashi, città della prefettura di Gunma, a nord di Tokyo. I soldi erano divisi in 10 pacchi rossi, ognuno contenente 30 mila yen, ed accompagnati da una lettera, firmata "Naoto Date" (il nome del personaggio dell'Uomo Tigre) che chiedeva di usare i soldi per fare regali ai bambini. Nei giorni successivi altri sette istituti similari in altre parti del Paese. La cifra cambia, ma è sempre consistente e sempre rivolta ad opere benefiche di questo tipo.
Si cerca di capire però se il benefattore sia uno solo o se la notizia del primo regalo abbia scatenato nel Paese un'ondata di emulazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©