Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Alti i livelli di radioattività nei capi bestiame

Giappone: vietata la carne di Fukushima

Almeno 650 animali sono stati contaminati

Giappone: vietata la carne di Fukushima
19/07/2011, 16:07

TOKYO - Il governo giapponese ha ordinato alla prefettura di Fukushima di bloccare tutte le consegne di carne bovina dopo che è venuto alla luce che centinaia di capi bestiame erano stati nutriti con fieno contenente alti livelli di radioattività. Il portavoce del governo, Yukio Edano, ha annunciato inoltre che gli agricoltori colpiti da questa misura verranno risarciti per i danni economici e psicologici subiti.

LA CATENA DELLA CONTAMINAZIONE
Prima di essere mandati al macello almeno 650 animali sono stati contaminati dal foraggio contenente alti livelli di cesio radioattivo. Parte di quella carne potrebbe già essere stata consumata, come ha ammesso lunedì la catena di supermercati Aeon, secondo la quale centinaia di chili sono già stati venduti nei suoi quattordici punti vendita a Tokyo e nelle aree circostanti. Per il ministero dell’Agricoltura, tuttavia, un consumo limitato non pone rischi per la salute. Nessun sistema di controllo della radioattività dei prodotti alimentari è stato messo a punto finora dal governo centrale, che ha scelto di affidarsi ai test effettuati a livello locale. La carne però è solo l’ultimo degli allarmi per prodotti alimentari contaminati, dopo tè, latte, pesce e acqua.

IL BESTIAME CONTAMINATO
Oltre alle bestie già macellate, sono stati riscontrati alti livelli di cesio radioattivo in 136 mucche. Il vice ministro della Salute, Kohei Otsuka, ha ammesso che potrebbero essere stati contaminati animali anche nelle zone più distanti dalla centrale atomica danneggiata dallo tsunami dell’11 marzo, come confermerebbe di recente il ritrovamento di carne contaminata proveniente da fattorie a 100 chilometri da Fukushima. Dalla prefettura di Fukushima proviene circa il 3% di tutta la carne che viene consumata in Giappone.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©