Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Seul comunica la morte di due civili per i bombardamenti

Gli Stati Uniti si schierano a fianco della Corea del Sud


Gli Stati Uniti si schierano a fianco della Corea del Sud
24/11/2010, 09:11

SEUL (COREA DEL SUD) - L'amministrazione Obama ha annunciato che la marina degli Stati Uniti si recherà nel Mar Giallo, al largo delle due Coree, per una serie di esercitazioni militari con la marina della Corea del Sud. In particolare, sarà coinvolto un gruppo agli ordine della portaerei George Washington. In una intervista al canale televisivo ABC è stato lo stesso presidente Usa a dire: "La Corea del Sud è uno dei nostri alleati più importanti. Gli Stati Uniti sono impegnati per la loro sicurezza. Tuttavia non stiamo meditando un attacco, ma ci siamo consultando con Seul. Vogliamo essere certi che tutte le parti che operano in quella Regione riconoscano che quella della Corea del Nord è una seria minaccia sempre presente con cui fare i conti".
Sempre nella giornata di ieri Stephen Bosworth, inviato degli Usa, si è incontrato con il vice ministro degli esteri cinese, Cui Tiankai, proprio per convincere la Cina a fare pressione sulla Corea del Nord per impedire nuovi incidenti alla frontiera.
Nel frattempo, mentre Pyongyang riferisce che il bombardamento di Yeonpyeong è stata la logica conseguenza di un attacco sudcoreano, da Seul si rincara la dose. E quindi oggi la Tv Ytn riferisce che, oltre a due soldati uccisi, ci sono stati altre due vittime tra la popolazione civile dell'isola.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©