Dal mondo / America

Commenta Stampa

Hanno presentato video manipolati

Gli Usa accusano l'Iran di aver affondato le petroliere nello stretto di Hormuz


Gli Usa accusano l'Iran di aver affondato le petroliere nello stretto di Hormuz
14/06/2019, 15:12

STRETTO DI HORMUZ - Continua la propaganda statunitense per creare una giustificazione per attaccare l'Iran. E così si moltiplicano le dichiarazioni degli esponenti del governo Trump contro l'Iran. Ieri era stato il vice presidente ed ex capo della Cia Mike Pompeoad accusare Teheran di aver colpito due petroliere - una norvegese e una panamense - nello stretto di Hormuz. Oggi è stato lo stesso Trump ad accusare l'Iran, mentre il portavoce statunitense Bill Urban è andato oltre: "Gli Stati Uniti e i nostri partner nella regione prenderanno tutte le misure necessarie per difendere noi stessi e i nostri interessi. Gli attacchi di oggi rappresentano una chiara minaccia alla libertà di navigazione internazionale e alla libertà di commercio". E' stato anche presentato alla stampa un video in cui, secondo gli USa, si vede una motovedetta iraniana che smonta una mina inesplosa dal fianco di una delle due navi esplose. In realtà dal video non si capisce se ci siano iraniani o meno sull'imbarcazione, che imbarcazione sia e se nelle immagini ci sia una mina. Inoltre le affermazioni statunitensi stridono fortemente con le dichiarazioni dei marinari delle due petroliere, che hanno affermato di aver visto degli aerei prima di essere stati colpiti. Ed è bene ricordare che una delle portaerei statunitensi è in zona e gli aerei sono dotati anche di siluri. 

Dal canto suo l'Iran ha negato con forza qualsiasi suo coinvolgimento nella vicenda. E se gli Usa avevano un ottimo motivo per affondare quelle due navi (cioè appunto giustificare un proprio attacco all'Iran), Teheran non ne aveva nessuno per attaccare due navi dirette in Giappone mentre il premier giapponese era a colloquio con il governo iraniano

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©