Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Giornata densa di appuntamenti

Gmg, secondo giorno per Benedetto XVI

Prima i Reali poi Zapatero, in serata Via Crucis

Gmg, secondo giorno per Benedetto XVI
19/08/2011, 12:08

MADRID – Giornata numero due per il Papa in Spagna per il Gmg; ricco e denso di impegni quest’ oggi per Benedetto XVI, che dopo la messa privata nella Nunziatura capitolina, si recherà nel palazzo della Zarzuela dove avverrà una visita di cortesia con i Reali di Spagna. Nel pomeriggio il Papa avrà un incontro ufficiale con il Premier Zapatero, poi alle 19.00 circa in Plaza de Cibetes ci sarà la Via Crucis con i giovani. Nell’ arco della mattinata, invece, incontrerà all'Escorial prima le giovani religiose e poi i giovani docenti universitari, tenendo un discorso pubblico. Anche per la Via Crucis è previsto un discorso pubblico del Papa. E’ alle 14.00 circa che Benedetto XVI pranzerà alla Nunziatura, al tavolo co lui siederanno dodici ragazzi di diverse nazionalità."Nella Giornata Mondiale della Gioventu' che stiamo celebrando a Madrid, e' una grande gioia potermi incontrare con voi, che avete consacrato la vostra giovinezza al Signore", "la Chiesa ha bisogno della vostra fedelta' giovane, radicata ed edificata in Cristo. Grazie per il vostro 'si'' generoso, totale e perpetuo alla chiamata dell'Amato. Chiedo che la Vergine Maria sostenga ed accompagni la vostra giovinezza consacrata, con il vivo desiderio che Ella interpelli, incoraggi ed illumini tutti i giovani". Cosi' Benedetto XVI ha salutato le giovani religiose, incontrate oggi presso il Complesso monumentale di El Escorial, a Madrid. Il Santo Padre, in particolare, ha apprezzato "il fatto che il Cardinale Arcivescovo di Madrid abbia previsto questo incontro in un luogo cosi' evocativo come e' il Monastero di San Lorenzo all'Escorial. Se la sua celebre biblioteca custodisce importanti edizioni delle Sacre Scritture e delle Regole monastiche di diverse famiglie religiose - ha detto Benedetto XVI nel suo discorso - la vostra vita di fedelta' alla chiamata ricevuta e' anch'essa un modo prezioso di custodire la Parola del Signore che risuona nelle forme di spiritualita' a voi proprie. "Care sorelle - ha detto ancora il Papa - questa e' la testimonianza della santita', alla quale Dio vi chiama, seguendo da vicino e senza alcuna condizione Gesu' il Cristo nella consacrazione, nella comunione e nella missione".

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©