Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

I rapporti erano tesi dall'assalto alla Freedom Flottilla

Grazie ad Obama, pace fatta tra Israele e Turchia


Grazie ad Obama, pace fatta tra Israele e Turchia
22/03/2013, 17:56

TEL AVIV (ISRAELE) - Almeno un risultato Barack Obama potrà vantarlo, per il suo viaggio in Israele: il premier Benjamin Netanyahu ha telefonato al suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, per scusarsi della strage della Freedom Flottilla. Erdogan ha accettato le scuse. 
I fatti risalgono al 31 maggio 2010. Tre navi appartenenti alla Freedom Flottiglia erano in navigazione verso Gaza, con un carico di aiuti umanitari: cibo, medicine, cemento, carrozzine per disabili e molto altro. Mentre le navi erano ancora in alto mare, a 90 Km dalla costa, vennero assaltate da motovedette israeliane, appoggiate da elicotteri, che sbarcarono molti soldati sulle navi. Nel corso dell'operazione diverse persone vennero trucidate, tra cui 9 persone di nazionalità turca sulla nave Mavi Maarmara, uccise con una raffica di mitragliatrice nella schiena. Questo episodio sancì la rottura dei rapporti tra Turchia e Israele, già tesi dopo l'operazione Piombo Fuso, l'attacco che Israele scaglio contro i palestinesi di Gaza e che vide la morte di oltre 1500 civili e il ferimento di oltre 5000. 
La telefonata è durata mezz'ora e ad un certo punto è intervenuto direttamente lo stesso Obama.
Il presidente americano ha lòasciato Israele ed è diretto in Giordania.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©