Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Scritte simili sono stati trovati in vari punti del mausoleo

"Grazie Hitler" scritto nel Museo dell'Olocausto in Israele


'Grazie Hitler' scritto nel Museo dell'Olocausto in Israele
11/06/2012, 15:06

GERUSALEMME - "Hitler, grazie per l'Olocausto", "L'Olocausto è tutta colpa del sionismo". Sono solo due delle frasi in ebraico che questa mattina sono state trovate all'interno dello Yad Vashem, il memoriale che ricorda le stragi di ebrei effettuate durante il nazismo e che è stato costruito a Gerusalemme. In totale ci sono dieci scritte, fatto evitando le telecamere che sorvegliano quel posto 24 ore su 24. La cosa ha colpito molto, dato che gli arabi si guardano bene dall'avvicinarsi a quel luogo, ben sapendo quanto sono sensibili su questo gli israeliani.
Per questo è praticamente certo che a compiere il gesto siano stati degli israeliani di religione ebraica. E la cosa non deve stupire: la sempre maggiore violenza dei governi israeliani contro i palestinesi, se da una parte incita i coloni a pretenderne ancora di più, dall'altra parte sta creando una minoranza egualmente estremista, ma che vuole la pace. E quindi contesta tutti i simboli - di solito falsi - su cui si basa il sionismo per giustificare le sue scelleratezze. Tanto da arrivare a delle tesi difficilmente credibili. Quella prima frase, "Hitler grazie per l'Olocausto", per esempio, è riferito alla teoria che Hitler abbia organizzato le persecuzioni, lasciando tracce non del tutto veritiere delle camere a gas, in obbedienza ad un preciso piano per creare una nazione etnica ebraica, come Israele. La "prova" starebbe nel fatto che il nonno paterno di Hitler era un ricco ebreo presso cui lavorava la nonna come cameriera (la mise incinta e la cacciò dalla casa, dandole però una sostanziosa buonuscita); e quel ricco ebreo sarebbe un Rothschild. Durante la sua permanenza a Vienna, prima della Prima Guerra Mondiale, sempre secondo questa teoria, sarebbe stato convinto a lottare per mettersi ai vertici della Germania e quindi applicare il suddetto piano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati