Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

I medici accusano i poliziotti di averli fatti entrare

Grecia: Alba Dorata occupa un ospedale per raccogliere "sangue greco"


Grecia: Alba Dorata occupa un ospedale per raccogliere 'sangue greco'
26/04/2013, 19:58

ATENE (GRECIA) - Gli squadristi di Alba Dorata sono di nuovo in azione. Questa volta hanno deciso, dopo il suicidio del direttore di una banca dell'isola di Lesbo (il numero 2100 dall'inizio della crisi su una popolazione di 6 milioni di persone), di occupare il General Hospital di Nilea, ad Atene, per raccogliere il sangue per "soli cittadini greci". Il luogo non è stato scelto a caso: il Nikea si trova in una zona dove è alta la percentuale di stranieri e povera gente che ricorre alle cure dell'ospedale, cosa che i neonazisti di Alba Dorata non gradiscono, per usare un eufemismo. 
Una decisione che ha trovato la netta opposizione dei medici, che hanno accusato la Polizia di non aver impedito agli esponenti di estrema destra di entrare nell'ospedale. E' insorto anche il comitato dei lavoratori del nosocomio, che ha ricordato come nella Costituzione sia previsto il diritto alla salute per tutti gli individui e questo "nessun nostalgico di Auschwitz" lo può cancellare. 
Anche la federazione che comprende medici ed infermieri fa notare come tutti gli ospedali che raccolgono sangue devono farlo secondo le leggi e non trasformare questo in un "fiera della purezza etnica e razziale" 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©