Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ennesimo episodio razzista del partito neonazista

Grecia: Alba Dorata vuole a scuola classi separate per stranieri


Grecia: Alba Dorata vuole a scuola classi separate per stranieri
16/03/2013, 17:37

ATENE (GRECIA) - Ancora una volta Alba Dorata si dimostra il solito partito xenofobo. L'ha fatto con un suo rappresentante, Artemis Matthaiopoulos, intervenuto alla Commissione per gli affari educativi, che discuteva di un disegno di legge per gli insegnanti di sostegno da affiancare ai bambini stranieri. E nel suo intervento ha proposto di segregare i bambini stranieri in classi separate dai greci. E quando una deputata di Sinistra Democratica gli ha fatto presente che esistono delle leggi democratiche da rispettare, Matthaiopoulos ha risposto: "Nella giungla non ci sono regole". Una risposta che ha spinto tutti i componenti della Commissione ad alzarsi ed andarsene. 
Insomma, Alba DOrata continua a confermarsi un problema per la democrazia, con le sue volenze, com il suo razzismo, con dichiarazioni come questa o come quella di qualche giorno fa di Plomartis, che definiva gli extracomunitari come "primitivi, subumani e contaminati, buoni a nulla che bevono la nostra acqua", aggiungendo: "Siamo pronti ad aprire loro i forni" e "siamo pronti a fare saponette con gli immigrati in Grecia". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©